• downtown0.jpg
  • downtown1.jpg
  • downtown2.jpg
  • downtown3.jpg
  • downtown4.jpg
  • downtown5.jpg
  • downtown6.jpg
  • downtown7.jpg

Mia cara Marilyn

Teatro Viaggiante di Stefano MIcheletti

presenta:

“Mia cara Marylin tutti ti scrivono .. perché  non dovrei farlo io?

 

A volte tu appari la più bella di qualunque creatura sulla terra , allora il mio cuore vola a te …”

 

 

 

il viaggio di “Joel il  matto delle carte”  nasce dalla lettera  scritta da J. Oppenhemeir  a Marylin.

 

 

In altri termini  il viaggio dell’uomo amante, giocatore e sognatore che vorrebbe tener fede al suo amore irrinunciabile, ma il gioco della vita lo allontana inevitabilmente dal suo porto, così come Joel si allontanerà dal suo sogno : Marylin.

 

Il gioco delle carte rappresenta per il Matto  il susseguirsi di esperienze che intrecciano l’anima alla vita : che partono dall’amore per la donna, per la bellezza, per il desiderio del “gioco di vivere” tutti evocati da Marylin.

 

In questo viaggio surreale i sogni si intrecciano ai ricordi ed i respiri della vita monotona non esistono: lasciano spazio agli interventi musicali  prolungamento o anticipazione dello stato d’animo che si riscontra immediatamente nel recital.

 

“Il sorriso di Marylin” rappresenta la beffa alla quale l’uomo va incontro : il bagliore della bellezza così come quello della vita si perdono nel gioco, svanendo,  ed il misero tentativo di recuperare o rincorrere il tempo perduto lascerà spazio ad un più dignitoso silenzio.  Trionferà  il ricordo del sorriso beffardo, quello della ineluttabile Marylin.

 

Il recital divertente e poetico, ad opera di Stefano Micheletti, e’ impreziosito dall’ensemble de “I Solisti Laudensi” Abigeila Voshtina (violino) e Fabio Merlini (pianoforte).

 

L’accompagnamento, composto da musiche che spaziano dal virtuosismo barocco di Veracini, Corelli, Haendel al novecento fantastico di Shnittke ,  esalta l’armonia dello spettacolo.

 

Non ultimo e’ l’intervento di Alberto Sarnico, direttore delle luci e degli effetti, che rende alla performance la suggestiva dimensione surreale.

 

Gli abiti e la scena sono ad opera della compagnia “ Teatro viaggiante” della famiglia Micheletti , una delle rarissime Famiglie d’arte che dal 1888  si esibisce sui palcoscenici di tutta Italia.